Reggio Calabria, postino non recapita le lettere: in casa sua trovati 40 chili di posta

Una perquisizione a domicilio e la scoperta dei Carabinieri di Locri
Un 39enne di Locri è stato denunciato per violazione, sottrazione o soppressione di corrispondenza. L’uomo, infatti, incaricato da Poste Italiane, avrebbe omesso di consegnare la corrispondenza a domicilio. Dopo diverse segnalazioni di cittadini che lamentavano il mancato servizio, i carabinieri hanno dato il via alle indagini che hanno portato all’abitazione del 39enne dove sono stati rinvenuti oltre 40 chili di corrispondenza sottoposta, adesso, a sequestro. È una storia che si ripete: soltanto lo scorso gennaio, un 59enne della zona, in servizio presso un centro secondario di distribuzione postale della locride, era stato denunciato in quanto responsabile del medesimo reato di “sottrazione e soppressione di corrispondenza”. Il “ladro di posta” era stato sorpreso dai militari dell’Arma mentre buttava della corrispondenza in un cassonetto. Anche in quel caso le indagini erano state avviate in seguito alla denuncia di un cittadino che lamentava il mancato o irregolare recapito della sua posta.

I controlli eseguiti ieri, 9 maggio, da parte dei carabinieri di Locri nell’area tra i comuni di Locri e Sant’Ilario dello Jonio erano finalizzati alla «repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli di natura predatoria, nonché al contrasto di attività illecite legate allo spaccio di sostanze stupefacenti alle violazioni della normativa sul controllo delle armi», come si legge nella nota del Comando (nel corso delle perquisizioni domiciliari nelle case degli indagati, i Carabinieri hanno rinvenuto numerosi telefoni cellulari, monili in oro e argento). Al setaccio delle forze dell’ordine, le zone più degradate della locride dove, sempre più giovani, ci si avvicina alle realtà criminali. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 10 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 11-05-2017 22:18
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti