Roma, rubinetti e water dorati negli alloggi popolari del Comune occupati abusivamente

Blitz questa mattina in via dell'Archeologia a Tor Bella Monaca per sgomberare un appartamento di proprietà comunale, già sequestrato in passato, al quale erano stati violati i sigilli per permettere l'ingresso di nuovi occupanti. Una volta entrati, gli agenti hanno constatato che l'appartamento presentava arredamenti e rifiniture sfarzose, con maniglie dorate e elettrodomestici di lusso: al momento era presente una donna italiana con tre minorenni, che ha volontariamente lasciato l'appartamento dopo aver portato via gli oggetti personali e alcuni mobili: data la presenza di minori, la Sala Operativa Sociale ha chiesto se la donna avesse necessità alloggiativa temporanea, offerta rifiutata.
 
 


Dopo la sostituzione delle serrature e lo sgombero, l'appartamento è stata rimesso nella disponibilità del Patrimonio e contestualmente riassegnato ad una famiglia in lista. Successivamente nello stesso pianerottolo è stato scoperto un secondo appartamento illegalmente occupato da persone legate da rapporti di parentela con gli occupanti del primo, tutti facenti capo ad una nota famiglia malavitosa di zona, già conosciuta alle forze dell'ordine.
Anche in questi locali, posti poi sotto sequestro, era presente arredamento lussuoso con vasca da idromassaggio, cassaforte, tv gigante e mobili preziosi.

Tutti e due gli appartamenti presentavano allacci abusivi alla rete elettrica Acea: gli agenti hanno quindi provveduto a denunciare la donna all'Autorità Giudiziaria per violazione dei sigilli e furto di energia elettrica. Durante le operazioni di sgombero si è poi presentata una persona, successivamente identificata, che ha spontaneamente riconsegnato le chiavi di un terzo appartamento nello stesso pianerottolo, del quale deteneva indebitamente le chiavi senza occuparlo. Gli agenti, dopo aver sostituito la serratura e convocato una seconda famiglia in lista di assegnazione, ha contestualmente consegnato l'appartamento.

Durante le operazioni la Polizia di Stato ha impiegato unità cinofile che hanno permesso l'arresto di due soggetti per detenzione e spaccio di droga. Secondo quanto si apprende i due appartamenti erano stati ristrutturati senza autorizzazione: sono in corso indagini sulle spese di ristrutturazione valutate per un costo di circa 400 mila euro.
L'operazione, su disposizione della Procura, è stata realizzata dagli agenti dell'USDPA della Polizia di Roma Capitale intervenuta alle 6 circa congiuntamente a personale del Casilino Nuovo della Polizia di Stato. 

«Arredamenti di lusso, maniglie dorate, decorazioni con brillanti, maxi schermi, vasche idromassaggio, cabine armadio da film hollywoodiani, allacci abusivi alla rete elettrica - scrive su Facebook il sindaco di Roma Virginia Raggi. - Abbiamo trovato questo in alcune case popolari a Tor Bella Monaca. Appartamenti occupati abusivamente da persone riconducibili ad una nota famiglia malavitosa della zona. Bene, ieri sono intervenuti gli agenti dell'Unità di Supporto della Polizia Locale al Dipartimento Politiche abitative e la Polizia di Stato. E due appartamenti grazie al nostro intervento sono stati già consegnati alle famiglie legittime assegnatarie in graduatoria. È una bella vittoria dei cittadini. Questa mattina, invece, abbiamo ripreso possesso di un appartamento di proprietà del Comune, di circa 100 metri quadrati, a due passi dalla Basilica di San Pietro. Era abitato da oltre 25 anni abusivamente da una famiglia con un reddito di 90mila euro e che, abbiamo scoperto, aveva altre case di proprietà a Roma. Insomma, uno vero schiaffo per i tanti cittadini che sono in graduatoria ed aspettano un alloggio. Le occupazioni delle case popolari di Roma Capitale non saranno più tollerate. Operazioni come quella di ieri sono il frutto di mesi di lavoro serio e attento. Le ingiustizie di decenni le stiamo spazzando via, ripristinando così legalità e i diritti dei cittadini. Ringrazio l'Assessore Rosalba Castiglione, gli uffici del Dipartimento Politiche Abitative, la Procura e gli uomini e le donne della Polizia Locale di Roma Capitale e della Polizia di Stato. La legalità torna al primo posto. Basta #scroccopoli». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 6 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-12-2017 14:38
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti