Umbertide, imprenditore si toglie la vita: non riusciva più a pagare gli stipendi ai 135 dipendenti

Imprenditore si toglie la vita:
non riusciva più a pagare
gli stipendi ai 135 dipendenti
Travolto dalla crisi, incapace di trovare una via d'uscita alle difficoltà delle proprie aziende, ha deciso di farla finita. In un biglietto ha cercato di spiegare le motivazioni di un gesto tanto disperato. In quel foglio, acquisito dagli agenti del commissariato di Città di Castello che sulla vicenda stanno svolgendo accurate indagini nella massima discrezione, c'è tutto il dramma di un uomo, messo di fronte ad un ostacolo per lui troppo arduo da superare.

C'è chi parla di un irrigidimento delle banche nei confronti di un cliente che faticava parecchio a rientrare dalle esposizioni, a rispettare le scadenze. C'è chi aggiunge di un arretrato di mesi nel corrispondere gli stipendi agli operai delle sue ditte. Dando credito ad un'altra voce, ieri mattina avrebbe dovuto incontrare una delegazione sindacale per discutere della situazione in atto. Non una, ma tante le ragioni dietro una decisione della quale nessuno ha percepito l'imminenza. Intorno alle 6,30 di ieri, Gabriele Bartolini si sarebbe trattenuto in strada con alcuni conoscenti, scherzando e parlando di lavoro. In apparenza tranquillo, come sempre.

Sarebbero le ultime persone che l'imprenditore ha incontrato prima di raggiungere il capannone della Cobem, nel bel mezzo della zona industriale Buzzacchero. Qui, in un locale di servizio, ha messo la corda al collo, trovando la morte per soffocamento. Schiacciato dalle problematiche del momento e di un lavoro, quello del terzista metalmeccanico, dove l'utile è strettamente legato ai numeri della produzione e alla possibilità di un continuo aggiornamento dei macchinari. Una morsa dalla quale Bartolini, 61 anni, aveva probabilmente cercato di sfuggire aprendo diverse fabbriche, ognuna con una denominazione diversa. Stando a notizie datate di pochissime settimane, a lui sono riconducibili ben quattro società, una situata fuori regione. Quattro siti che impegnavano, complessivamente, 135 operai, quasi tutti stranieri. Un assetto che non potrà non essere focalizzato ed approfondito. Anche i famigliari, con i quali abitava una villetta a schiera nel quartiere residenziale di Umbertide, lavoravano con lui.

Un business sempre più complicato da gestire e tenere sotto controllo. Uno che l'ha in pratica da tempo racconta di migliaia di chilometri percorsi in auto ogni anno, di panini masticati guidando, di riposi di pochi minuti in macchina quando le ciglia non ne vogliono sapere di restare aperte. Una vita d'inferno sempre sotto stress senza i riscontri economici e le soddisfazioni che andava cercando da quando ancora giovane, insieme ad altri colleghi, Gabriele Bartolini aveva perso il posto in una fabbrica di filo smaltato.

Il corpo ormai privo di vita l'ha scoperto poco dopo le 7 un dipendente. Uno delle decine che, all'improvviso, devono fare i conti con un futuro tutto da scrivere. Per questo lunedì alle 16 nel salone del centro socio culturale San Francesco si svolgerà un'assemblea, presente il sindaco di Umbertide Marco Locchi.

Oggi alle 16 i funerali a Cristo Risorto.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 4 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 06-08-2017 16:57
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti