I carabinieri si fingono complici e arrestano tre ladri

I carabinieri si fingono complici e arrestano tre ladri
Dopo aver bloccato un primo giovane, si sono finti componenti di una banda di ladri di auto, parlando in dialetto, attraverso una radio ricetrasmittente, con gli altri due "complici" che erano in fuga su una vettura rubata qualche ora prima ad Altamura: così, a Bitonto, i Carabinieri sono riusciti ad arrestare i tre - di età compresa tra i 30 e i 23 anni - poi posti ai domiciliari.
In seguito a segnalazioni anonime al 112, nelle campagne di Bitonto i militari dell'Arma hanno bloccato il primo componente della banda che era a bordo di un'auto al cui interno era stata nascosta la radio attraverso cui i complici gli continuavano a chiedere informazioni sulla sua posizione. A quel punto, i Carabinieri hanno deciso di fingersi complici, sdraiandosi sul sedile posteriore dell'auto condotta dal primo giovane fermato e continuando a comunicare in dialetto, via radio, con gli altri due componenti della banda. In questa maniera è stato deciso il luogo dell'appuntamento, dove anche gli altri due sono stati fermati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 8 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:19