Bari, il ministro a magistrati e avvocati: «Ascolto tutti, ma la polemica con mi interessa»

Alfonso Buonafede
«Io ascolto e dialogo con tutti, ma la polemica non mi interessa» . Così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede reagisce alle polemiche sollevate dai magistrati e dagli avvocati sul decreto con il quale è stata disposta la sospensione dei processi a Bari. In un post su Facebook Bonafede afferma che tutte le parti in causa sono state informate «passo dopo passo, addirittura fino al momento prima di recarmi a Palazzo Chigi per presentare il decreto legge in Consiglio dei Ministri. E in quelle telefonate nessuno ha sollevato alcuna perplessità sulla sospensione dei processi».
Il decreto «era stato richiesto dalla Commissione permanente, dove siede anche l'Anm e tutte le parti in causa, come primo passo per affrontare l'emergenza, al quale ne sarebbero seguiti altri. Infatti, nei prossimi giorni sarà individuato l'immobile dove saranno trasferiti gli uffici giudiziari di Bari», afferma ancora Bonafede. «Forse c'è qualcuno a cui sarebbe piaciuto vedere ancora celebrare i processi in un tendone, magari anche in piena estate».
Contro il decreto, che sospende l'attività giudiziaria fino a fine settembre, si sono schierati magistrati e avvocati. Da domani, tra l'altro, i penalisti di tutta Italia saranno impegnati in tre giorni di sciopero proprio per il caso Bari. E a Bari è prevista una manifestazione cui parteciperanno avvocati e magistrati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 23 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:48