Delitto di Pordenone, Ruotolo condannato all'ergastolo

Ruotolo condannato all'ergastolo per l'omicidio di Teresa e Trifone. I genitori di lei: «Non avremo pace»
La Corte d'assise di Udine ha condannato Giosuè Ruotolo all'ergastolo per il duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi a colpi di pistola la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. 

La sentenza, che prevede l'ergastolo con due anni di isolamento diurno, è arrivata dopo oltre due giorni di camera di consiglio della Corte d'Assise di Udine, presieduta dal giudice Angelica Di Silvestre. Il 20 ottobre scorso il pm Pier Umberto Vallerin aveva chiesto per Ruotolo l'ergastolo e due anni di isolamento diurno. Ruotolo, difeso dagli avvocati Roberto Rigoni Stern e Giuseppe Esposito si era sempre proclamato innocente. Ruotolo ha ascoltato il verdetto con gli occhi bassi al fianco dei suoi avvocati. Alle sue spalle il papà e il fratello. In aula c'erano anche i familiari delle vittime, i genitori e i fratelli del militare di Adelfia (Bari), Trifone Ragone, e la mamma, il papà e un fratello di Teresa Costanza, l'assicuratrice milanese di origini siciliane.

«Abbiamo avuto giustizia ma nostra figlia non tornerà mai. Non avremo mai pace. Un ergastolo non potrà mai lenire il nostro dolore. Ma almeno sappiamo quello che è successo. E un assassino è in carcere». I genitori di Teresa Costanza, papà Rosario e mamma Carmelina Parello, lo dicono con un filo di voce «ringraziando le istituzioni», all'esito della sentenza della Corte d'assise di Udine. «Ho sempre l'immagine di Teresa davanti a me. La sento sempre vicina Teresa e Trifone erano qui con me. Li avevo qua - ha detto ancora la mamma, stringendo tra le mani una foto - Già stamattina sentivo che mi davano positività. Ho aspettato con serenità».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 8 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-11-2017 10:51
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti