Barletta, si dimette il sindaco eletto a giugno. «Maggioranza spaccata, così non si va avanti»

Barletta, si dimette il sindaco eletto a giugno. «Maggioranza spaccata, così non si va avanti»
È crisi, a Barletta, a pochi mesi dalle elezioni amministrative. Il sindaco Cosimo Cannito, eletto il 10 giugno scorso a capo di una coalizione composta da dieci liste civiche, ha comunicato le sue dimissioni in consiglio comunale. La decisione è arrivata dopo che, nella prima seduta di consiglio, che si è tenuta venerdì scorso, l’assise cittadina non era riuscita a eleggere il presidente del consiglio, a causa di un mancato accordo nella maggioranza. Contestualmente alle dimissioni, Cannito ha annunciato anche che avvierà, con tutte le forze politiche, «un dialogo e un confronto aperto, per addivenire a un possibile accordo per il governo della città». «Abbiamo tentato ogni giorno in questi due mesi di arrivare a un punto di incontro e di trovare un equilibrio, ma non ci siamo riusciti, la città però - ha detto il primo cittadino dimissionario - non ha colpa e non è interessata alle beghe politiche e per questo, da domani sarò al lavoro per concertare una intesa con tutte le forze politiche». «Se entro 20 giorni non si trovasse un accordo - ha concluso Cannito - e non riuscissimo a esprimere una maggioranza o una rappresentanza politica capace di governare la città, è giusto che si vada tutti a casa».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Lunedì 6 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:36