Non ci fu frode: dopo cinque anni assolti ex manager dell'Asl

L'Asl di Brindisi
E’ stata confermata anche in appello l’assoluzione di cinque manager all’epoca dei fatti in servizio alla Asl di Brindisi che erano imputati a vario titolo per associazione per delinquere, frode in pubblica fornitura, abuso d’ufficio e turbativa d’asta nell’ambito di una maxi inchiesta su appalti pilotati per cui altre 50 persone stanno affrontando un processo con rito ordinario.
La Corte d’Appello di Lecce ha assolto Rodolfo Rollo, all’epoca dei fatti direttore generale della Asl di Brindisi, i dirigenti amministrativi Enzo Mauro Albanese, Andrea Chiari e Ignazio Buonsanto e Alfredo Rampino, già direttore amministrativo della Asl di Brindisi. L’accusa, sostenuta dai pm Nicolangelo Ghizzardi e Giuseppe De Nozza, in primo grado, aveva chiesto per loro condanne da 6 mesi a un anno e quattro mesi di reclusione in primo grado. Poi la procura aveva appellato la sentenza del gup Giuseppe Biondi in riferimento a un solo capo di imputazione, la vicenda Biosal. Le difese erano sostenute dagli avvocati Massimo Manfreda, Vivia Labbruzzo e Giuseppe Rizzo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 10 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 21:48