L'università in centro, nell'ex convento di Santa Chiara

L'università in centro, nell'ex convento di Santa Chiara
Il Comune di Brindisi concede all’Università degli studi di Bari l’utilizzo, per cinque anni, dell’ex convento Santa Chiara e rinnova la propria collaborazione. Il corso di laurea triennale di economia aziendale si trasferisce infatti nel pieno centro cittadino, spostandosi dalla struttura dell’ex ospedale “Di Summa”, dove invece continueranno i corsi di fisioterapia ed infermieristica, dell’università di Bari. Sottoscritto così ieri il rinnovo del protocollo d’intesa, che fa seguito alla convenzione stipulata nel novembre 2015, dal rettore dell’università di Bari, Antonio Uricchio, e dal commissario prefettizio Santi Giuffrè. Il Comune di Brindisi conferma così il suo impegno in questo ambito formativo culturale, pur ridimensionando l’entità del proprio contributo, così come ha spiegato lo stesso Giuffrè: «Confidando nella bontà e nella comprensione dell’Università di Bari, abbiamo ridotto il nostro contributo ma abbiamo voluto poter confermare un vecchio impegno, rivitalizzandolo anche con l’affidamento di strutture immobiliari nuove. Cerchiamo di fare tutto quanto nei programmi, di continuarli, attese le nostre condizioni economiche. Di certo, la città non può fare a meno di un contributo culturale così importante».
Lo spostamento dei corsi, e degli studenti, nel centro città è certamente una delle novità più importanti: «Si tratta – ha spiegato Giuffrè - di un percorso già scritto, frutto di intese con la giunta precedente: esisteva già una intesa per questa struttura e l’abbiamo confermata. Sappiamo che avere gli studenti nel centro era un vecchio desiderio di tanti e quindi siamo contenti, non c’era motivo per non realizzarlo. Al contempo, abbiamo deciso di lasciare al sindaco che si insedierà la scelta della destinazione d’uso futura di palazzo Granafei Nervegna». 
 
A confermare la volontà del polo universitario barese di continuare un rapporto di collaborazione importante, lo stesso rettore, Antonio Uricchio: «Il consolidamento dell’offerta formativa passa dai corsi già esistenti, a cui si aggiunge il fatto che il corso di economia aziendale avrà finalmente una nuova sede: si tratta di una sede storica, importante e prestigiosa. Credo che Brindisi meriti una particolare attenzione, con la nostra università che intende proporre un modello con più poli come Brindisi e Taranto, al fine di rafforzare l’offerta formativa sul territorio».
A chi chiede se il ridimensionamento del contributo del Comune influirà sull’offerta formativa, il rettore risponde: «Se si abbasserà la qualità? Assolutamente no. L’università di Bari sostiene la propria offerta anche attraverso le proprie risorse, con la possibilità di investire sul territorio. Stiamo anzi progettando lauree professionalizzanti e rafforzando la collaborazione con l’università del Salento per la realizzazione di corsi di laurea interateneo. Credo che anche la Regione Puglia possa anche sostenere Brindisi, quella che considero una importante realtà territoriale”. 
Ieri è stata così approvato il cosiddetto “Addendum” alla convenzione del 2015, con l’università che si impegna ad avviare le procedure concorsuali per il reclutamento dei ricercatori; il Comune ha abbassato da 250 mila a 122 mila euro il proprio contributo per il mantenimento dei corsi universitari, a cui si aggiunge l’utilizzo dell’ex convento. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 5 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:39