Choc a Foggia: affiliato Isis indottrinava i bambini

Choc a Foggia: affiliato Isis indottrinava i bambini
Teste sgozzate, racconti di odio e violenza, istruzioni per fabbricare armi e bombe. Queste immagini e parole sarebbero state mostrate per mesi ad un gruppo di bambini tra i 4 e 10 anni durante lezioni di religione islamica che, in realtà, erano veri e propri seminari di propaganda e indottrinamento jihadista. A tenere quelle lezioni, l'ultima risale ad alcune settimane fa, era il 59enne Mohy Eldin Mostafa Omer Abdel Rahman, cittadino italiano di origine egiziana e residente a Foggia dove presiedeva l'associazione culturale «Al Dawa», che è stato arrestato con le accuse di terrorismo internazionale e istigazione a delinquere. Proprio all'interno dell'associazione - ora sotto sequestro su disposizione della Dda di Bari - l'uomo insegnava ai bambini, una decina in tutto, il concetto di guerra santa, spiegando loro che l'unico modo per ottenere il Paradiso era la morte in battaglia. La vicenda è stata segnalata anche al Tribunale per i Minorenni di Bari che ha aperto un fascicolo «a protezione dei bambini - spiega il presidente Riccardo Greco - perché le immagini crude e i messaggi di violenza potrebbero aver generato turbamenti». Nell'indagine è coinvolta anche la moglie di Abdel Rahman, una italiana molto più anziana di lui, Vincenza Barbarossa, di 79 anni, che non è sospettata di terrorismo ma di reati fiscali e destinataria insieme al marito di un sequestro di beni per complessivi 370 mila euro. Si tratta dei soldi che l'egiziano riceveva attraverso la cosiddetta «zakat», una sorta di raccolta fondi tra i musulmani che frequentavano la moschea Al Dawa, e che, secondo gli investigatori, veniva accumulato e gestito in maniera poco trasparente. L'inchiesta dei pm baresi Giuseppe Gatti e Lidia Giorgio, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Giannella, è partita un anno fa dopo l'arresto del militante ceceno dell'Isis Eli Bombataliev, ospitato a lungo nei locali dell'associazione foggiana. Digos e Guardia di Finanza hanno monitorato, soprattutto attraverso internet e poi anche con intercettazioni ambientali, i contatti fra di loro e i documenti che venivano condivisi in rete, tramite Whatsapp e Twitter, arrivando a scoprire l'attività di propaganda jihadista e indottrinamento al martirio fatto nei confronti di adulti e bambini. «Vi invito a combattere i miscredenti, i crociati, gli ebrei, gli atei, i tiranni arabi e i loro eserciti. Con le vostre spade tagliate le loro teste oppure sparate con i vostri proiettili, con le vostre cinture esplosive fate saltare in aria i loro corpi e non dimenticate le bombe, che provocano maggiori disastri e atrocità, la miglior maniera per ricevere la benevolenza divina» diceva Abdel Rahman nelle sue lezioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 28 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:01