Nuovo "caso" per il M5S
Candidato condannato per cd contraffatti

Nuovo "caso" per il M5S
Candidato condannato per cd contraffatti
Nuova tegola per il M5s pugliese che nelle scorse ore ha dovuto fare i conti con un nuovo "caso": un candidato con una condanna in primo grado tenuta nascosta agli stessi elettori, e negata pubblicamente in un post su Facebook.
Si tratta di Antonio Tasso, candidato per i 5 Stelle nel collegio Manfredonia-Cerignola.
Nella serata di ieri Di Maio ha dovuto chiedere l'espulsione di Tasso: «Antonio Tasso si è potuto candidare con il Movimento 5 stelle perché il suo certificato penale è pulito, non ha carichi pendenti e pertanto risultava candidabile. Peccato - aggiunge - che dieci anni fa Tasso sia stato coinvolto in un processo, perché avrebbe masterizzato dei cd-rom. Il processo è arrivato solo alla condanna in primo grado e poi è andato in prescrizione. Tasso ha accettato la prescrizione prima che esistesse il codice etico del Movimento e prima che esistesse il movimento stesso. Resta il fatto che non ci ha informati di questo episodio. Per questa ragione è stato segnalato al collegio dei probiviri a cui ho proposto l'espulsione».

Lui su Facebook si difende: "Nessuna condanna ma posizione incompatibile col movimento"

Dopo la richiesta di espulsione, infine, la presa d'atto della situazione
in un nuovo post:
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 25 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:17