Rapine portavalori, arresti evitano il "colpo del secolo"

Rapine portavalori, arresti evitano il "colpo del secolo"
Sarebbe potuta essere la “rapina del secolo“, con banditi armati di Ak-47 e jammer che avrebbero assaltato un portavalori 'carro armato', in Germania, contenente milioni di euro; ma il lavoro di intelligence tra polizia italiana e polizia tedesca ha consentito di evitare un conflitto a fuoco che si sarebbe potuto trasformare in una strage e assicurato alla giustizia i componenti di una banda che in Italia, ma soprattutto tra il Foggiano e la Campania, aveva messo a segno molti colpi a furgoni portavalori. Nell'ambito dell'operazione "Last Day", le Squadre Mobili delle Questure di Foggia e Salerno, coordinate dal Servizio Centrale Operativo, su ordine del Tribunale di Nocera Inferiore (Salerno), hanno eseguito 9 arresti in carcere, 8 ai domiciliari e 2 obblighi di firma. I dettagli del blitz sono stati resi noti durante una conferenza stampa, nella Questura di Salerno. I destinatari dei provvedimenti sono perlopiù personaggi di Cerignola (Foggia), del Napoletano e dell'agro sarnese nocerino.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Lunedì 9 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:32