Botte e insulti, lo denuncia e poi ritratta: «Voglio sposarlo»

Il tribunale di viale De Pietro
Amore molesto. Prima lo denuncia tre volte perché rientrava a casa ubriaco, la riempiva di insulti e di minacce, anche di morte, e - una volta - l'aveva spintonata e presa a schiaffi. Ora ha cambiato idea e vuole sposare quell'uomo. Arrivando persino a metterlo nero su bianco, nel documento che ieri il legale del compagno, l'avvocato Pietro Viola, ha presentato al giudice per l'udienza preliminare Simona Panzera.
L'uomo, di Cutrofiano, si trova infatti sotto processo per difendersi dall'accusa di maltrattamenti in famiglia. Alla luce anche dell'intenzione della coppia di mettere una pietra sopra il passato e di sposarsi a settembre, il giudice dovrà stabilire se sia congrua la pena di un anno e quattro mesi di reclusione concordata dall'avvocato con il pubblico ministero della Procura di Lecce, Stefania Mininni. Fra i comportamenti contestati - tutti relativi al periodo fra settembre 2017 e gennaio 2018 - anche il tentativo di buttare la donna fuori strada mentre era al volante della sua macchina e le minacce di farle pagare cara la scelta di denunciarlo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 14 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento: 09:46