Il Salento come il lago d'Iseo: un pontile di 70 metri alle “Maldive”

SALVE - Se l'opera dell'artista Christo al Lago d'Iseo è durata solo 2 settimane, mobilitando gente da mezzo mondo, quella alla Maldive del Salento, lido turistico tra i più attrezzati del capo di Leuca, resterà di certo più a lungo e permetterà a tutti di fare una passeggiata "sulle acque".
La passerella è stata inaugurata a Torre Pali, sul litorale di Salve, unica in Puglia misura 70 metri ed non solo un'opera ecosostenibile ed ecocompatibile, ma è anche ancorata al fondale da dove verrà smontata solo a fine stagione per poi tornare l'anno prossimo, quasi certamente ancora più estesa.
Il pontile non è solo un'attrazione turistica: è infatti nato «per garantire maggiore sicurezza ai fruitori della spiaggia, oltre che un servizio migliore per le attività messe a disposizione del lido», spiegano dal lido, famoso per avere diffuso anche commercialmente il conteso brand "maldive" su uno dei tratti di costa più amati e frequentati del basso Salento.
Il taglio del nastro è stato affidato all'assessore regionale allo Sviluppo Economico, Loredana Capone, alla presenza del vescovo della diocesi di Ugento, monsignor Vito Angiuli, del deputato Rocco Palese e del sindaco di Salve, Vincenzo Passaseo.
 

Il pontile, il cui materiale è stato fornito dall'azienda leader nel settore T-Docks, è lungo 70 metri e largo 2,5, parte dalla battigia e prosegue nel mare, fuoriuscendo dal livello del mare di circa 30 centimetri; e' dotato di passamano per 40 metri, i lati degli ultimi metri sono stati lasciati liberi per consentire l'attracco delle imbarcazioni, l'imbarco e lo sbarco. L'opera è a bassissimo impatto ambientale poiché è costituita da blocchi modulari in polietilene ad alta densita', resistenti agli agenti atmosferici, alla luce, alle basse o alte temperature; realizzata con materiale ecocompatibile ed ecosostenibile che, una volta rimosso non lascia tracce.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 17 Agosto 2016 - Ultimo aggiornamento: 18:00