Servizi per disabili
ad anni alterni

Caro direttore, sono padre di due figli disabili e vi scrivo per esporvi la problematica che stiamo vivendo negli ultimi anni. Circa 5 anni fa, è stato attivato un servizio di educativa domiciliare con la presenza di un educatore professionale e un OSS. Il servizio partiva da e attraverso i servizi sociali del comune di Castrignano de' Greci, i quali hanno comunicato il caso. Il bando del servizio è stato vinto dalla cooperativa sociale San Francesco con sede legale a Ugento. Il servizio è buono, anche se con ore molte ridotte. Dopo un paio di anni di attivazione del servizio, ci è stato comunicato che sarebbe stato sospeso a causa della conclusione del bando e che sarebbe passato un anno prima della sua riattivazione. E così è stato. Adesso, dopo altri due anni, ci risiamo. Ci è stata già sospesa una parte del servizio - quello di OSS - continuando ad avere momentaneamente solo l’educatore. Dico momentaneamente perché a breve sicuramente verrà sospeso anche quello.
Alla luce dei fatti, dunque, le domande che vorrei porre a chi predispone questi servizi sono:
1. nei periodi di disservizio per fine bando, i nostri problemi con due figli disabili in casa rimangono: non si potrebbe, quindi, creare e garantire una continuità del servizio alle persone bisognose come noi? 2. conoscendo le tempistiche della burocrazia per predisporre e assegnare il bando, non si potrebbe anticipare la data di quest'ultimo o fare una proroga di quello precedente, fino alla nuova riattivazione? Non ha senso offrire un servizio del genere in periodi alternati, i nostri problemi restano. Non può rappresentare la burocrazia un ostacolo alla necessità di servizi sociali.


Antonio Fiorentino

Caro lettore, la soluzione di problemi come questi dovrebbe essere al centro dell'attività di chi decide di dedicarsi all'amministrazione pubblica e considera il governo delle istituzioni come un servizio. Dovrebbe, ma non è così. Capita molto raramente che la politica, l'amministrazione e l'apparato burocratico, in tutt'altre faccende affacendati, si adoperino per risolvere i problemi reali dei cittadini. Speriamo che la pubblicazione di questa lettera e gli articoli che dedicheremo all'argomento sull'edizione cartacea del Quotidiano possano destare l'attenzione di chi ha la responsabilità di riattivare il servizio. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 1 Febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:10