Rapine, spaccio e falsi jihadisti. I residenti: «Sembra Macerata»

Rapine, spaccio e falsi jihadisti. I residenti: «Sembra Macerata»
«Immagini la scena: mollano le valigie in mezzo al corridoio dell’ostello e scappano via gridando “Allah Akbar”, cosa potevamo pensare? Terrore puro...», ci dice Benedetta Cattuzzo, 34 anni, direttore dell’ostello “Generator”, crocevia di studenti e turisti da mezzo mondo a duecento metri da piazza Vittorio. Oggi, di quell’episodio di qualche settimana fa, Benedetta riesce perfino a riderci su, ma la verità è che l’impasto marcio di spaccio, ricettazione, scippi e...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 14 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:11
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti