Terrorismo: perché l'Italia può essere un obiettivo

Terrorismo: perché l'Italia può essere un obiettivo
Gli attacchi terroristici in Spagna e Finlandia, paesi finora risparmiati dalle aggressioni, contribuiscono all’allarme sui possibili attentati di matrice islamica in Italia. Preoccupazioni rafforzate ieri dalla notizia diffusa da SITE, l’organizzazione statunitense che monitora la propaganda, i proclami e le comunicazioni in rete dei gruppi jihadisti, che ha rilevato su un account di Telegram messaggi che indicano l’Italia come prossimo obiettivo di atti terroristici.

Anche se non è certo la prima volta che l’IS cita i leader politici italiani come nemici o l’Italia e Roma come bersagli da attaccare o obiettivi da conquistare, l’allarme appare giustificato. Se la Spagna è stata “punita” per la sua blanda partecipazione alla Coalizione anti-Isis guidata dagli USA e attiva da tre anni in Iraq e Siria, per la stessa ragione l’Italia dovrebbe essere ancora più esposta visto che in Iraq schieriamo 1.400 militari (il triplo degli spagnoli) e aerei e droni da combattimento che peraltro non svolgono azioni di bombardamento.

Da quando ha preso il via la nuova stagione di attentati islamici in Europa ci si è spesso interrogati sul perché l’Italia non sia stata ancora presa di mira dagli adepti del Califfato anche se evidentemente non c’è una sola risposta a questa domanda.

In realtà, prendendo in esame solo il periodo successivo alla proclamazione del Califfato a Mosul, nell’estate 2014, sono stati diversi gli obiettivi italiani presi di mira da cellule jihadiste i cui attacchi sono stati sventati, a partire dalla cellula arrestata dai servizi segreti marocchini che nell’autunno 2014 intendeva compiere attentati contro la metropolitana di Milano e le basiliche di Padova e Bologna (a San Petronio è conservato un affresco quattrocentesco di Giovanni da Modena che ritrae Maometto all’inferno e che aveva già attirato le attenzioni di al-Qaeda nel 2002). Più recentemente le forze di sicurezza italiane hanno sgominato cellule che avevano pianificato attacchi al ponte di Rialto a Venezia e in altre città.

Sarebbe inoltre ingiusto non ricordare che dall’attacco al museo del Bardo a Tunisi, il 18 marzo 2015, sono 29 i cittadini italiani uccisi in dieci attacchi jihaditi compiuti in Europa ma anche in Bangladesh, Libia e Burkina Faso.
L’Italia e gli italiani sono quindi un obiettivo per il terrorismo ma accanto agli ottimi risultati conseguiti dalle forze di sicurezza e intelligence vi sono probabilmente altri elementi che hanno consentito finora di limitare la minaccia.

A differenza di altri paesi europei in Italia non vi sono ancora numeri consistenti di immigrati islamici di seconda o terza generazione (bacino privilegiato del jihadismo), i foreign fighters sono 125 (contro 200 in Spagna, 800 in Germania e forse il doppio in Francia e Gran Bretagna) e di questi ne sono finora rientrati solo una mezza dozzina.

Benchè in fase processuale siano stati rimessi in libertà molti islamici sospettati di aver aderito a gruppi jihadisti, le espulsioni di radicalizzati sono oltre cento dall’anno scorso, inclusi alcuni imam salafiti. Molti jihadisti identificati non hanno la cittadinanza italiana, a differenza di altri paesi Ue, quindi possono essere espulsi. Inoltre in Italia non ci sono ancora “cittadelle islamiche” come quelle presenti in Gran Bretagna, Belgio, Francia o Svezia, amministrate di fatto dalla sharia e divenute “no go area” fuori controllo in cui neppure la polizia entra.
I dati del Ministero degli Interni rivelano che rispetto al 2016 sono aumentati arresti, espulsioni e controlli antiterrorismo ma se pare innegabile che l’Italia condivida con l’Europa gli stessi problemi, è altrettanto evidente che da noi sono meno marcati o forse non ancora incancreniti, a tutto vantaggio della prevenzione.

Se in alcuni paesi europei il numero di sospetti terroristi e “radicalizzati” islamici da tenere sotto controllo è troppo elevato per le risorse umane e tecnologiche delle forze di sicurezza, in Italia è ancora gestibile.
Alcuni hanno evidenziato negli ultimi due anni che l’Italia sarebbe stata risparmiata perché i jihadisti la utilizzano come retrovia logistica per chi deve fuggire o colpire in Nord Europa. Personaggi come Anis Amri o Salah Abdeslam sono transitati dall’Italia ma è difficile poter confermare questa tesi con dati oggettivi anche perché in tema di controlli e segnalazioni su sospetti terroristi le forze di sicurezza italiane si sono distinte per efficienza e collaborazione con i colleghi stranieri.

Infine non si possono escludere anche valutazioni strategiche dei vertici dello Stato Islamico e dalle sue ramificazioni in Europa che potrebbero aver influito nel decidere di non mettere anche l’Italia nel centro del mirino terroristico.

Attaccare Roma, culla della cristianità e capitale del cattolicesimo, potrebbe provocare una dura reazione del mondo cristiano che finora non ha osteggiato la crescente penetrazione islamica in Europa e ha osservato spesso con distacco o distrazione le tante persecuzioni a cui sono sottoposte comunità e minoranze in molti paesi musulmani.

Non dimentichiamo poi che sul fronte dell’immigrazione illegale l’Italia accoglie da quattro anni chiunque paghi i trafficanti per imbarcarsi sulle coste libiche. Flussi al momento “congelati” dall’iniziativa italo-libica, ma che dal 2013 hanno portato in Italia oltre 700mila persone, in buona parte islamici, e che hanno fruttato miliardi alle organizzazioni criminali che tutti i servizi d’intelligence considerano finanziatori dell’IS e di al-Qaeda nel Maghreb Islamico.

Non è un caso che a Sabratha, la località costiera della Tripolitania da cui partivano fino a poche settimane or sono buona parte di barconi e gommoni, vi sia da anni una importante base dello Stato Islamico bombardata nel febbraio 2016 dai cacciabombardieri statunitensi.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 20 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:46