Salvini: «Unici razzisti sono politici di sinistra. Più fondi e uomini per lotta alla mafia»

Salvini: in decreto sicurezza più fondi e più uomini per lotta alla mafia
Più fondi e più uomini per lotta alla mafia. Li ha promessi Salvini durante la visita nel rione Libertà di Bari durante la quale ha anche attaccato i «politici di sinistra» che secondo il vicepremier leghista sono «gli unici razzisti».  

LEGGI ANCHE Fondi alla Lega, blitz in Lussemburgo, i pm a caccia dei pagamenti di Parnasi

 

«Matteo non mollare», «ciao capitano»: urla e selfie hanno accolto Salvini a Bari, dove tra circa 300 persone, esponenti politici locali della Lega e cittadini simpatizzanti, il ministro ha fatto una breve sosta prima della visita alla Fiera del Levante. «Un'accoglienza commovente». 

«Nel decreto sicurezza - ha detto tra le prime cose - ci sarà un notevole incremento della spesa e degli uomini che combattono la mafia e che gestiscono i beni confiscati alle cosche mafiose in tutta Italia». «In tre mesi di cose ne abbiamo fatte. Sono felice. Felice di quello che io personalmente e il governo nel suo complesso stanno facendo». «L'obiettivo - ha detto - è poi se i cittadini baresi vorranno cambiare anche in Comune. Che il cambiamento arrivi anche nel palazzo del Comune e della Regione. Noi qualche idea chiara ce l'abbiamo. Ma una cosa alla volta. Oggi mi occupo di sicurezza e di controllo del territorio».



«L'impegno mio, del Governo e della Lega è difendere con le unghie e con i denti il Made in Italy, l'industria, l'agricoltura, la pesca, l'artigiano italiani. Anche quando andate a fare la spesa fate un gesto politico: comprate italiano, mangiate italiano». «Domani - ha detto - sarò a Vienna a incontrare i colleghi ministri degli Interni degli altri Paese europei, che si sono accorti dopo anni di dormite, che in Italia finalmente è arrivato un governo che dice 'prima gli italiani'. Quindi torniamo a decidere. Senza bacchette magiche, senza regalare 80 euro a chiunque passeggi per strada, facendo poche cose ma facendole bene».


«Gli unici razzisti che io conosco sono alcuni politici di sinistra che hanno trasformato Bari e l'Italia in un campo profughi. Razzisti nei confronti degli italiani», ha poi aggiunto il vicepremier. «Siamo qua per collaborare col sindaco, col governatore, a prescindere dai colori politici. Se le persone fanno, hanno il mio rispetto - ha detto Salvini -. Sono ministro di 8mila sindaci e di 60 milioni di cittadini italiani. Tra questi ci sono anche i 4 milioni di immigrati regolari e per bene. Per gli altri, clandestini e delinquenti, la pacchia è finita. A Bari come in tutta Italia».

Salvini in mattinata ha anche avuto un «lungo e cordiale incontro» al Viminale con Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. «Collaboriamo per risolvere i problemi, altro che 'allarme razzismo' denunciato da qualche ignorante che non conosce l'Italia e la sua splendida gente», ha detto il ministro dell'Interno. Nel corso della riunione sono stati affrontati - si legge in una nota del ministero - i temi della Libia e della situazione dei rifugiati sul territorio nazionale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 13 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-09-2018 09:02
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti