Dall'agricoltura del futuro al monitoraggio xylella: arrivano droni e satelliti

Dall'agricoltura del futuro al monitoraggio xylella: arrivano droni e satelliti
L'agricoltura del futuro avrà bisogno di competenze e nuove figure professionali capaci di studiare e permettere uno sviluppo compatibile con l'ambiente delle produzioni che limiti per quanto possibile l'utilizzo di fertilizzanti e altri prodotti chimici. Si tratta di figure che dovranno operare tra terra e cielo, perché dovranno capire cosa e come si produce nei campi ma anche monitorare, con l'utilizzo dei satelliti, le varie fasi produttive per ottimizzarne i risultati. Proprio di questo si parlerà nel corso di due giornate di studio che si svolgeranno il 25 e il 26 ottobre a Minervino Murge e a Bari.
Il tema del workshop di mercoledì 25 è Satelliti & Agricoltura tra innovazione e sostenibilità e si svolgerà presso l'azienda agricola Tormaresca, la quale ha anche effettuato investimenti consistenti nel settore vinicolo e olivicolo a San Pietro Vernotico. Le giornate di studio sono organizzate dal Distretto tecnologico aerospaziale (Dta) e Planetek Italia nell'ambito delle iniziative di Copernicus Relay sviluppate dal Forum nazionale degli Utenti Copernicus. Proprio l'utilizzo dei satelliti potrebbe essere utile per monitorare in modo capillare e contrastare con precisione lo sviluppo della xylella nei diversi territori.

Il workshop di Minervino Murge si aprirà con una relazione introduttiva del rappresentante dell'Agenzia Spaziale Europea che illustrerà lo stato dell'arte della disponibilità di immagini satellitari a livello globale e presenterà lo stato di attuazione del Programma Europeo Copernicus per il monitoraggio della superficie terrestre. Copernicus è costituito da 6 satelliti di osservazione della Terra, chiamati Sentinelle, che rappresentano il contributo dell'Unione Europea al monitoraggio globale della Terra nell'ambito della lotta ai cambiamenti climatici.

A Minervino Murge saranno presentati i risultati dei servizi operativi di agricoltura di precisione per la vitivinicoltura, l'olivicoltura e la cerealicoltura realizzati in collaborazione con l'azienda Tormaresca nell'ambito del progetto H2020 Eugenius. Nella tavola rotonda conclusiva si discuteranno i diversi aspetti che influenzano l'introduzione di innovazione nelle aziende agricole e in generale nella filiera agroindustriale regionale. Alla tavola rotonda parteciperanno: Vito Albino, commissario Arti; Giuseppe Acierno, presidente Dta; Francesco, dirigente Unicredit; Gianluca Nardone, direttore dipartimenti agricoltura Regione Puglia; Giuseppe Palumbo, amministratore delegato Tornaresca; Walter Piperno, dirigente dell'Agenzia spaziale italiana; Andrea Pitacco, docenti UniPadova; Michele Rinaldi, dirigente del Consiglio per la ricerca in agricoltura; M. Vai, manager di New Holland. Si confronteranno su come superare gli ostacoli che impediscono o ritardano l'adozione di processi innovativi nelle imprese agricole e sul ruolo che possono svolgere i fondi europei, nazionali e regionali per stimolare l'adozione di tali processi.

A Bari, giovedì 26, presso l'Aula Multimediale del Politecnico di Bari, in via Amendola 126/b, si svolgerà un corso di formazione dal titolo Il satellite per il monitoraggio del territorio. Il corso è organizzato in partnership con gli ordini professionali per fornire una panoramica dei principali dati satellitari, commerciali ed open, e delle metodologie di elaborazione per il monitoraggio del territorio. La trattazione dei temi prevede la presentazione di casi reali su come applicare le metodologie di analisi nei diversi contesti operativi. In particolare, saranno illustrate applicazioni reali realizzate da Planetek Italia nel territorio della Puglia relativamente ai seguenti ambiti applicativi: monitoraggio delle aree marino costiere per la pianificazione urbanistica; aggiornamento delle basi conoscitive per la redazione e monitoraggio dei Piani urbanistici generali e degli altri strumenti programmatori; monitoraggio della stabilità dei versanti e delle infrastrutture; evoluzione del consumo di suolo; identificazione e classificazione delle aree percorse dal fuoco; precision farming a supporto della vitivinicoltura di precisione.

O.Mart.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 24 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:48