Ryanair, è caos sui voli: voli cancellati da Brindisi e Bari
La Regione: «Contratto da rispettare»

Ryanair, è caos sui voli: voli cancellati da Brindisi e Bari
Ryanair nella bufera: nel mirino degli utenti, sotto tiro degli enti locali e punita dalla borsa. La soppressione di centinaia di voli a causa di un clamoroso errore nella programmazione delle ferie dei piloti fa da zavorra al titolo della compagnia irlandese, arrivata ieri a sfiorare una perdita del 5% sulla piazza di Londra.
Effetti e riflessi della tempesta annunciata: migliaia di voli cancellati, con una media di 48 al giorno per sei settimane, per un totale di circa 400 mila passeggeri coinvolti. È questa la dimensione del caos dei cieli europei che interesserà sino alla fine di ottobre la compagnia Ryanair. Disagi che riguarderanno anche gli scali della Puglia, dove si prospetta la cancellazione di uno-due voli al giorno, presso gli scali di Brindisi e Bari.
Già annunciata la cancellazione di due collegamenti per domani all’Aeroporto del Salento: il volo 8496 da Brindisi a Milano Bergamo e il volo 8495 da Milano Bergamo a Brindisi. Aeroporti di Puglia, nel precisare che tali disservizi non sono in alcun modo legati a aspetti riconducibili ai rapporti commerciali tra la società e il vettore, sottolinea: «Le pur comprensibili preoccupazioni per tale situazione non possano far dimenticare che sui nostri aeroporti volano attualmente altre diciannove compagnie differenti per tipologia, prodotto e destinazioni raggiunte - circa settanta tra Bari e Brindisi - che, al pari del vettore irlandese, operano collegamenti di linea funzionali allo sviluppo del traffico e al miglioramento dell’accessibilità aerea, contribuendo in maniera significativa a generare nuovi flussi verso la Puglia».

La compagnia irlandese ha comunicato la lista completa dei voli cancellati fino al 24 settembre

In una nota Ryanair ha comunicato la lista completa dei voli che verranno annullati fino a domenica 24 settembre. Sono due le cancellazioni che interessano gli aeroporti di Puglia: il volo Brindisi-Stansted, andata e ritorno, del 23 settembre e il volo Brindisi-Milano Bergamo, andata e ritorno, del 23 settembre. 
A pochi giorni dall’avvio delle cancellazioni (da sabato), la compagnia ieri si è precipitata a rassicurare i propri clienti, preparandosi nel contempo anche a pagare un conto salato: 20 milioni di euro, sul piatto per i rimborsi. Ieri, dalla Commissione Ue, il primo monito alla compagnia, affinché la stessa rispetti i diritti dei passeggeri. Ne pretende il «rispetto assoluto» anche l’Italia, con il ministro dei trasporti Graziano Delrio che parla di situazione «molto grave» e avverte che «non possiamo fare sconti a nessuno per disagi così grandi». E anche l’Enac assicura che sta monitorando la situazione, e che al momento «non si stanno verificando problemi di operatività negli aeroporti italiani».

La decisione di cancellare una cinquantina di voli al giorno nelle prossime sei settimane, è stata spiegata a più riprese ieri dall’amministratore delegato della società irlandese, Michael ÒLeary prima in conference call con gli analisti e poi in una conferenza stampa a Dublino. Le cancellazioni, ha ammesso, «avranno un impatto sulla nostra reputazione: le mie scuse ai nostri investitori ma anche soprattutto ai nostri clienti per l’incertezza o qualunque inconveniente», ha detto ÒLeary, assicurando però che «oltre il 98% dei clienti non sarà interessato dalle cancellazioni». Saranno comunque circa 400 mila i passeggeri colpiti dagli stop, ha puntualizzato il ceo della low cost, assicurando comunque che la previsione è di garantire la riprotezione su un nuovo volo nello stesso giorno per il 75% dei passeggeri coinvolti.
E mentre la Spagna ha già aperto un dossier per il rispetto dei diritti dei passeggeri, in Italia i sindacati insistono sulla necessità di rispettare il diritto di ferie dei lavoratori e anche la politica alza la voce chiedendo l’intervento del Governo e dell’Enac.
«L’Italia prenda posizione tempestivamente, come ha fatto il governo spagnolo, sulla cancellazione dei voli Ryanair che coinvolgono oltre quattrocentomila passeggeri», afferma il deputato di Forza Italia Rocco Palese. E la Regione Puglia, intanto, ammonisce: «Pretendiamo rispetto per i passeggeri. Non accetteremo che siano violati i termini della convenzione. Disservizi da risolvere in fretta», spiega l’assessore regionale Loredana Capone.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 19 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:29