Rai, ecco il nuovo palinsesto: dopo la conferma di Baglioni è caccia a Fiorello in prima serata

Rai, ecco il nuovo palinsesto: dopo la conferma di Baglioni è caccia a Fiorello in prima serata
Gli ultimi palinsesti dell’era Orfeo oggi a Milano. La Rai ufficializza tutti i programmi della prossima stagione autunnale. Tra conferme di lusso (Claudio Baglioni a Sanremo), ritorni prestigiosi di conduttrici (Mara Venier a Domenica In) e format storici rispolverati (Portobello di Enzo Tortora) c’è anche un sogno nel cassetto: il varietà con Fiorello. A cui si sta cercando di trovare la quadra.

Questi di oggi sono anche i primi palinsesti di Angelo Teodoli direttore di Rai1. L’ex vice di Del Noce ha riportato a casa, oltre alla Venier, pure Caterina Balivo che condurrà nel primo pomeriggio Vieni da Me. Un nuovo programma che sarà in concorrenza con il suo ex Detto Fatto che resta a Rai2 con Bianca Guaccero padrona di casa.

A Rai1 sbarca - direttamente da Rai3 - Ulisse di Alberto Angela, dal 22 settembre per cinque serate del sabato contro Tu sì que vales di Canale 5. A fine ottobre, sempre di sabato, arriva il Portobello di Antonella Clerici che ha lasciato la Prova del Cuoco a Elisa Isoardi. Marco Liorni va al sabato con un nuovo rotocalco di attualità dal titolo Italia sì, mentre Eleonora Daniele allunga la durata di Storie Italiane, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 11,40. Flavio Insinna eredita l’Eredità, Tiberio Timperi affianca Francesca Fialdini alla Vita in diretta, mentre nel weekend a Unomattina in famiglia Ingrid Muccitelli ha come partner Luca Rosini.

Riconfermata anche Paola Perego con Superbrain. Il ritorno della Champions su Rai1 è affidata ai volti di 90’ Minuto, Paola Ferrari e Alberto Rimedio, sostituiti la domenica pomeriggio da Alessandro Antinelli e Simona Rolandi.  Due ritorni importanti anche per Rai2 e Rai3. Si tratta, rispettivamente, di Licia Colò e Serena Dandini. Confermati tutti i programmi e le fiction più viste (tornano Rocco Schiavone, la Porta Rossa e I Bastardi di Pizzofalcone). Nuovi format in seconda serata su Rai3 per Andrea Vianello (sport) e Lucia Annunziata (politica estera).
riproduzione riservata ®

LA RAI DEL DOPO ORFEO

La nuova Rai prenderà forma ad agosto. Come da tradizione. Ma la Tv di Stato non sarà l’unica partita delle nomine che il nuovo governo dovrà giocare. Ecco perché prima di ogni previsione bisogna usare il bilancino e la massima cautela. Una cosa è certa: per la nomina del dg saranno decisivi due colloqui, quello tra Di Maio e Salvini e l’altro tra il leader della Lega e Berlusconi. Poi si avrà la schiarita. Il Cav sulla Rai avrà voce in capitolo. E in base agli equilibri politici con i cinquestelle si decideranno le nomine di a.d. e Tg1 (le due più importanti), di Vigilanza, cda e degli altri tg. Tra i nomi papabili per l’a.d. circolano quelli di Fabrizio Del Noce, Fabrizio Salini e Carlo Freccero. Monica Maggioni lascerà la presidenza e andrà a dirigere il nuovo canale in lingua inglese, che la Rai è obbligata a fare dalla convenzione con lo Stato. Mario Orfeo (foto) resterà a Viale Mazzini (ha un contratto a tempo indeterminato) e potrebbe essere il nuovo presidente di garanzia dell’azienda (a tutela delle opposizioni). (M. Cas.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 27 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:43
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti