Stati Uniti, negato ingresso alla band italiana Soviet Soviet: «Sono immigrati clandestini»

In Usa per il tour, band italiana
arrestata e rispedita indietro:
«Ci hanno trattati da clandestini»
Bollati come immigrati clandestini, ammanettati e portati in carcere senza poter avvertire nessuno. Il viaggio negli Stati Uniti è finito male per i tre membri della band italiana Soviet Soviet il cui tour promozionale è stato stroncato sul nascere, con tanto di notte in prigione a Seattle. Alessandro Costantini, Andrea Giometti e Alessandro Ferri sono atterrati negli States il pomeriggio dell'8 marzo per una serie di concerti sulla West Coast. Ma non sono riusciti a lasciare l'aeroporto: dopo ore di controlli il hanno dichiarati «clandestini» e rispediti in patria. 

«Ci siamo presentati muniti dell’Esta, della lettera della nostra etichetta americana e dell’invito scritto del SxSw di Austin - raccontano in un lungo post sulla loro pagina Facebook -  (...) siamo stati sottoposti a tre interrogatori divisi in tre piccole stanze dell’ufficio. Abbiamo fatto in modo che gli agenti parlassero direttamente anche con il proprietario dell’etichetta americana senza ottenere alcun successo. Dopo quasi 4 ore di domande ci hanno letto il verdetto. Avevano deciso di rimandarci in Italia e di negarci l’entrata negli Stati Uniti».

Peccato che i Soviet Soviet negli Usa non volessero affatto trovare lavoro, ma fossero stati invitati per un tour promozionale «senza percepire pagamento», precisano. Le cose si sono complicate ancora di più quando i tre si sono visti sequestrare i cellulari, perquisire, ammanettare e portare in carcere. «Abbiamo passato la notte in cella scortati come alla stregua di tre criminali - spiegano in una nota - Il giorno seguente, dopo aver sbrigato la procedura del carcere (foto, dichiarazione di buona salute e firme), altri due agenti ci sono venuti a prelevare. Perquisizione, manette e camionetta. Ci hanno portato all’ufficio controlli del giorno precendente dove abbiamo atteso il nostro volo di ritorno che era verso le 13.00 ora locale. Solo in prossimità della partenza ci sono stati ridati i cellulari e le borse e siamo stati scortati fino all’entrata dell’aereo».

Il «problema», a quanto pare, sarebbe stato che ai tre membri della band sarebbe servito un visto di lavoro dato che l'entrata a due dei concerti del tour era a pagamento. Tranne che, ribadiscono, hanno tentato in tutti i modi di spiegare che non avrebbero percepito nessun compenso. Ma non c'è stato nessun modo di convincere gli agenti della questione. 

Ora su Facebook piovono indignazione e solidarietà, soprattutto da parte degli americani. In molti incolpano Trump e la psicosi creata intorno all'argomento immigrazione, propongono proteste ufficiali e c'è chi addirittura riesuma la Guerra Fredda dando la colpa di tanto «accanimento» al nome di ispirazione sovietica del gruppo. Benvenuti negli Usa.  
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 11 Marzo 2017 - Ultimo aggiornamento: 13-03-2017 11:02
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti