L'amore di Sarah per la zia Cosima e i messaggi scambiati con Ivano
Picco di share dal 2014 per il caso Scazzi che torna domenica

L'amore di Sarah per la zia Cosima e i messaggi scambiati con Ivano
Picco di share dal 2014 per il caso Scazzi che torna domenica
Grande esordio per StorieMaledette con oltre 1milione 800mila spettatori (7,5% di share). Successo anche sui social: la prima puntata si classifica al primo posto dei programmi più commentati dell'intera giornata con oltre 132mila interazioni (NielsenItaly).
Un ascolto raggiunto solo nel 2014 e domenica prossima, 18 marzo, andrà in onda la seconda parte del   programma ideato, scritto e condotto da Franca Leosini, con le interviste in esclusiva a Sabrina Misseri e a sua madre Cosima Serrano. 
Due le puntate che ne ricostruiscono la vicenda processuale e umana e da cui emergono anche particolari sinora inediti di una vicenda che ha diviso l'opinione pubblica. Dal rapporto di affetto che legava la piccola Sarah alla zia Cosima, che per la prima volta appare come una donna amorevole e in un certo modo tenera.
Al nodo del giallo: gli sms che la ragazza avrebbe scambiato in piena notte con Ivan, il ragazzo da cui Sabrina Misseri era letteralemente ossessionata.
Sabrina dice di non esserne a conoscenza, ma per gli inquirenti la gelosia nei confronti della cugina sarebbe invece il movente dell'omicidio.

Nel corso della puntata, senza mai perdere la sua umanità, l'autrice scava nella psicologia di Sabrina. Non senza qualche appunto sulla gestione della sue relazione con Ivano, nei confronti del quale era "sentimentalmente genuflessa". Sabrina ricostruisce la sua verità, dal rapporto con Sarah, a cui era stata accomunata anche dal bullismo a scuola, fino a quei 20 minuti di messaggi e telefonate che per gli inquirenti racchiudono l'omicidio e il tentativo di depistaggio da parte della giovane donna con l'aiuto della madre.
E mentre le frasi dell'autrice sono già un cult, sul caso della povera sarah si torna domenica prossima.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 13 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:53