Missionario parte per convertire una tribù al Cristianesimo, ucciso da pioggia di frecce

India, missionario vuole convertire una tribù al Cristianesimo: ucciso a colpi di frecce
NEW YORK -  Sapeva che mettere piede sull’isola North Sentinel era vietatissimo. Sapeva che la tribù che la abita rifiuta da sempre ogni contatto con il resto del mondo. Ma John Allen Chu, esploratore e predicatore, era convinto che lo avrebbero ascoltato e che lui avrebbe potuto portare fra di loro la parola di Cristo. Indifferente ai divieti del governo indiano, Chu è approdato sulla piccola isola tropicale, ma non ha avuto neanche il tempo di aprire bocca. E’ stato accolto da una pioggia di frecce. I membri della tribù Sentinel lo hanno poi acchiappato con una corda al collo, e lo hanno trasportato sulla spiaggia e sepolto nella sabbia.

A tutto mercoledì, il suo corpo non era ancora stato recuperato. I fatti sono stati ricostruiti grazie alla testimonianza di sette pescatori che avevano accettato di trasportare Chu fino a qualche centinaia di metri dalla riva. Poi l’americano era salito su una piccola canoa e aveva percorso l’ultimo tratto remando, da solo. I sette sono rimasti a guardare, fino a quando non hanno visto l’assalto della tribù, allora sono scappati.

Tutti e sette i pescatori sono stati arrestati, a Port Blair, capitale del territorio dell’arcipelago delle isole Andaman e Nicobar, del quale North Sentinel fa parte. Gli uomini sono accusato di aver violato la legge che protegge l’isola e la tribù. Neanche la Marina indiana può avvicinarsi alla North Sentinel Island, protetta sia per l’espressa volontà della tribù, che rifiuta sin dalla fine dell’Ottocento di essere contattata, sia per il suo bene, poiché gli uomini e le donne sentinelesi potrebbero essere spazzati via da un comune raffreddore, come successe a migliaia di membri delle tribù di queste isole quando gli inglesi, che allora governavano in India, tentarono di avvicinarli per studiarne la cultura e la lingua.

Nessuno conosce la lingua dei sentinelesi, che è diversa anche da quella delle altre tribù che occupano il resto dell’arcipelago. Ma per far capire che non vogliono intrusi, i sentinelesi ricorrono subito alle frecce. Nel 2006, due pescatori colpiti da una tempesta cercarono rifugio in questa isola, ma furono uccisi. Nel 2004, un elicottero della Marina indiana sorvolò l’isola per accertarsi che non fosse stata danneggiata da uno tsunami, ma anche allora una pioggia di frecce convinse i piloti a non atterrare: “Con quelle frecce ci avevano comunque fatto capire che stavano bene” testimoniarono i due piloti.

Perché dunque John Allen Chu ha voluto tentare la sorte? Il 27enne originario dell’Alabama, era un laureato dell’università evangelica fondata dal predicatore Oral Roberts. Nella sua giovane vita Chu aveva già tentato altre operazioni di beneficenza, spesso nel corso di viaggi e avventure in luoghi lontani e impervi. Era anche andato nel Kurdistan per insegnare ai bambini delle scuole a giocare a calcio. Prima di avventurarsi nell’isola dei sentinelesi, Chu aveva parlato a un sacerdote, per spiegare che voleva “portarvi la parola di Gesù Cristo”, e che “Gesù ci ha dato la forza di addentrarci anche nelle zone più impenetrabili della Terra”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 21 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 24-11-2018 19:44
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti