A Francavilla la Lega rompe con il centrodestra e dà sostegno a Iurlaro

A Francavilla la Lega rompe con il centrodestra e dà sostegno a Iurlaro
La Lega, almeno a Francavilla Fontana, rompe l’alleanza con il centrodestra siglata nelle elezioni politiche, ed è pronta a sostenere il senatore Pietro Iurlaro quale candidato sindaco. Il patto di ferro è stato siglato nel primo pomeriggio presso lo storico bar di piazza Umberto I, il “Giba Caffè”. 
Da una parte Paolo Taurino coordinatore provinciale della Lega e dall’altra Iurlaro. La foto pubblicata sui social è eloquente dell’accordo sancito. “Dal 1994 LEGAti da una storica e sincera amicizia. Con il senatore e candidato sindaco della città degli Imperiali Pietro Iurlaro”. La lega in città si sta organizzando con una propria struttura. Già al momento della sua candidatura il senatore Pietro Iurlaro aveva dichiarato: «Il mio progetto non vuole essere esclusivo, ma inclusivo». A sostegno della sua candidatura al momento ci sono altre due liste, la prima “Più Francavilla” ed il già collaudato movimento “Noi ci siamo” che nel 2014 ha sostenuto l’ex sindaco Bruno ed eletto come consigliere comunale Antonio Camarda.
Il centrodestra francavillese, perde così per strada un alleato, ma nello stesso tempo sarebbe pronto a sciogliere il nodo del candidato sindaco da contrapporre ai tre già aspiranti in corsa per la poltrona, Maurizio Bruno, Pietro Iurlaro e Antonello Denuzzo. L’ufficializzazione potrebbe avvenire già domenica prossima o al massimo entro martedì della prossima settimana. Questa sera tornerà a riunirsi la coalizione del centrodestra. Forza Italia sarebbe pronta a proporre un nome esterno. Si parla di un avvocato proveniente dalla società civile. Quella stessa alla quale i maggiorenti della coalizione hanno bussato incassando il “no” per motivi strettamenti professionali e lavorativi dell’imprenditore Mino Distante, del ginecologo Salvatore Benizio, dell’avvocato Michele Fino e per ultimo del primario oncologo Saverio Cinieri.
Intanto alla vigilia del vertice il coordinatore provinciale di Forza Italia Antonio Andrisano mette a tacere ogni chiacchiericcio circa una sua candidatura a sindaco.
 
«All’indomani della mancata elezione al Parlamento diversi amici - dichiara Andrisano - mi hanno sollecitato a valutare questa proposta di candidatura per le amministrative. La proposta mi ha fatto molto piacere perchè mi ha sempre affascinato il ruolo di sindaco. Con altrettanta franchezza devo, però, dire a chiare lettere che ho avuto un ruolo importante quale candidato alla Camera nel mio collegio. Ho già avuto una grossa chance essendo stato il condottiero di tutto il centrodestra. È giusto ora che altri possano avere a giusta ragione le occasioni che meritano. Escludo categoricamente una mia candidatura a sindaco».
Top secret sul nome del candidato sindaco che dovrà rappresentare la coalizione del centrodestra. «Entro i primissimi giorni della prossima settimana - si limita a dire Andrisano - presenteremo non solo il programma elettorale già da tempo redatto dalla coalizione ma comunicheremo il nome del candidato sindaco che sicuramente saprà intercettare un consenso che va al di la della già forte coalizione andando a riconquistare Palazzo Imperiali».
Insomma tutto sembrerebbe filare liscio come l’olio. In verità all’interno della coalizione serpeggiano malumori in particolare all’interno di Forza Italia per questa fase esplorativa che sta durando da troppo tempo. Più di qualcuno rivendica la giusta visibilità, circostanza questa avanzata anche da qualcun altro dell’alleanza. La fase esplorativa è giunta così al capolinea. Il senatore Luigi Vitali, interpellato, circa la figura che sarebbe stata individuata dalla coalizione dice: «Sarà una sorpresa. Lo saprete prestissimo». Ed è partita la caccia al nome. La scelta qualora fosse esterna sarebbe caduta su due avvocati al loro debutto in politica. Per l’interno circola il nome del più volte assessore e capogruppo uscente Mimmo Bungaro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 9 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 11:08