Sull’asse Brindisi-Francavilla le sfide più incerte

Sull’asse Brindisi-Francavilla le sfide più incerte
Due collegi per la Camera, due collegi per il Senato. La provincia di Brindisi è divisa in due tra il capoluogo e l’area di Francavilla Fontana. E così, sia per la Camera che per il Senato, le sfide nei collegi uninominali sono due. I candidati, quindi, non solo hanno dovuto battere il territorio in lungo e in largo ma hanno dovuto faticare per provare a convincere gli incerti.
Si comincia dalla Camera, col collegio di Brindisi, formato dal capoluogo, Carovigno, Ceglie Messapica, Cisternino, Fasano, Ostuni e San Vito dei Normanni. Qui, a sfidarsi per l’unico posto a disposizione in parlamento, in uno scontro che si annuncia al fotofinish, ci sono il fittiano Vittorio Zizza per il centrodestra, il democratico Giovanni Epifani per il centrosinistra, Anna Macina per il Movimento 5 Stelle, Giuseppe Palazzo per Liberi e Uguali, Angelo Brandi per Potere al Popolo e Sonia Buoi per Casapound.
Ma come detto, i collegi che interessano il territorio brindisino sono due. C’è, infatti, anche quello di Francavilla Fontana, che comprende oltre alla città degli Imperiali anche Cellino San Marco, Erchie, Latiano, Mesagne, Oria, San Donaci, San Michele Salentino, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, Torre Santa Susanna, Villa Castelli ma anche comuni del Tarantino come Avetrana, Manduria, Maruggio, Sava e Torricella. Qui a sfidarsi per l’unico posto uninominale disponibile alla Camera, in uno scontro che promette scintille, sono il coordinatore provinciale di Forza Italia Antonio Andrisano, la deputata Pd uscente Elisa Mariano, il pentastellato Giovanni Luca Aresta, Valentina Carella per Liberi e Uguali, Emanuele Modugno per Potere al Popolo e Maria Lucia Errico per Casapound.
Sebbene con un’organizzazione differente, anche i collegi per il Senato che interessano il territorio brindisino sono due: Brindisi-Monopoli e Lecce-Francavilla. Nel primo (che per il Brindisino comprende il capoluogo, Carovigno, Ceglie, Cisternino, Fasano, Ostuni e San Vito), la sfida è tra l’esponente del centrodestra Tommaso Scatigna, il consigliere regionale democratico Fabiano Amati, la pentastellata Patty L’Abbate, Pierluigi Sozzi per Liberi e Uguali, Biagio Grassi per Potere al Popolo e Maria Teresa Colucci per Casapound.
Nel secondo (che del Brindisino comprende Francavilla, Cellino, Erchie, Latiano, Mesagne, Oria, San Donaci, San Michele, San Pancrazio, San Pietro, Torchiarolo, Torre e Villa Castelli), invece, la sfida è tra il coordinatore regionale di Forza Italia Luigi Vitali, il senatore uscente Dario Stefàno, Valerio Iunio Romano per il Movimento 5 Stelle, Irene Strazzeri per Liberi e Uguali, Rita Ninni per Potere al Popolo e Pierluigi Annicchiarico per Casapound.
Non ci sono, però, solo i collegi uninominali. Una parte dei parlamentari, infatti, è eletta col metodo proporzionale. In questo caso, nei listini, ci sono diversi brindisini, alcuni dei quali in posizione tale da garantire una facile elezione, altri in bilico ed altri ancora in posizioni più difficili. Tra i brindisini ci sono, per Forza Italia, Mauro D’Attis (Camera) e Luigi Vitali (Senato); per il Pd Elisa Mariano (Camera); per il Movimento 5 Stelle Valentina Palmisano (Camera), per la Lega Paolo Taurino (Camera), per Noi con L’Italia Nicola Ciracì (Camera), per Casapound Marco Canepa (Camera).
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 4 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:13