Mafia: ispezioni a Manfredonia-Cerignola

Mafia: ispezioni a Manfredonia-Cerignola
Due commissioni nominate dal prefetto di Foggia Massimo Mariani su delega del ministro dell'Interno Matteo Salvini si sono inediate nei Comuni di Manfredonia e Cerignola per verificare la sussistenza di forme di condizionamento mafioso.
Le commissioni sono composte da funzionari prefettizi, della polizia di Stato, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.Le due commissioni prefettizie che da questa mattina sono al lavoro per verificare la sussistenza di forme di condizionamento mafioso nei Comuni di Manfredonia e Cerignola, in provincia di Foggia, sono composte ognuna da tre membri: a Manfredonia stanno operando un funzionario della prefettura, un funzionario della polizia di Stato e un ufficiale del comando provinciale carabinieri di Foggia. A Cerignola sono al lavoro un funzionario della prefettura di Foggia e due ufficiali: uno dei carabinieri e uno della guardia di finanza. L'incarico conferito loro dal prefetto di Foggia, Massimo Mariani, su delega del ministro Salvini, durerà tre mesi e sarà rinnovabile per altri tre. Non sono ancora note le ragioni dell'istituzione delle commissioni che comunque sono state inviate in territori in cui, nelle ultime settimane, si sono registrati episodi legati alla criminalità organizzata. A Manfredonia il 4 gennaio scorso è stata incendiata l'auto del capitano della polizia locale, lanciando all'interno della vettura una bottiglia con liquido infiammabile. Mentre il mese precedente, a Cerignola, fu incendiata l'auto privata del capitano dei carabinieri. Sempre a Cerignola, nelle prime settimane di dicembre, sono avvenute numerose rapine tra cui, il 13 dicembre, quella in cui fu ucciso Luigi Bruno Battipaglia, autotrasportatore 48enne di Nocera Inferiore.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 9 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento: 20:11