Sequestrato un quintale di pesce in un ristorante giapponese

Il sequestro operato da Polizia e Capitaneria di Porto
Insetti morti sul pavimento e pesce in cattivo stato di conservazione. Questa la situazione riscontrata dai poliziotti del commissariato Borgo e dai militari della Guardia Costiera nel corso di un controllo, insieme agli ispettori dell'Asl, in un noto ristorante giapponese del centro. Così la cucina del locale e il prodotto ittico, all'incirca un quintale, sono finiti sotto sequestro. E per il proprietario, di nazionalità cinese, è scattata la segnalazione a piede libero. Le verifiche sono scattate nei giorni scorsi nell'ambito dei controlli sulle modalità di trasporto del pesce destinato alle tavole di alcuni ristoranti.
Agenti e militari hanno bussato alla porta del locale e hanno riscontrato condizioni precarie nella cucina.  Sono state constatate, infatti, le pessime condizioni igienico-sanitarie in cui versava la cucina, con insetti morti sul pavimento, stoviglie e attrezzi unti e prodotto ittico e di altra origine animale in cattivo stato di conservazione e privo di qualsiasi documentazione che ne accertasse la tracciabilità.
Considerata la gravità delle violazioni riscontrate, sussistendo un concreto ed attuale rischio per la salute pubblica, gli Ispettori dell’Asl, con il parere del direttore del Servizio veterinario, hanno proceduto al sequestro del vano cucina, con l’ordine dell’immediato ripristino delle condizioni igieniche.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 12 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 13:43