Spiaggia fascista, blitz della Digos: gestore convocato in commissariato

Il cartello con le regole.... "mussoliniane"
CHIOGGIA - “Spiaggia fascista”: così è stata ribattezzata Playa Punta Canna, uno stabilimento balneare di Sottomarina di Chioggia  noto per essere “solo” un po’ eccentrico, col gestore vestito da pirata e i minicomizi lanciati all’altoparlante, ma che negli ultimi tempi ha trasformato le stravaganze in richiami al fascismo. Con foto inneggianti a Mussolini (“Nonno Benito"). Ed è così che a Punta Canna ieri sono arrivati polizia e Digos. Oggi il gestore dovrà presentarsi in commissariato. E anche il Comune si è mosso, annunciando che manderà in ispezione i vigili urbani.

 A gestire lo stabilimento balneare, da ben 22 anni, è Gianni Scarpa, 66 anni, di Mirano. È stato lui  a dettare  le...  regole: nella “sua” spiaggia non si tollerano schiamazzi, maleducazione, sporcizia, disordine. Quando ne ha voglia, Scarpa accende il microfono e “regala” comizi ai clienti stesi sui lettini ad abbronzarsi. Le sue idee sono spiegate in un cartello all’ingresso dello stabilimento. Cinque punti, in stile programma elettorale.

I particolari sul Gazzettino in edicola il 10 luglio
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 9 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 10-07-2017 08:38
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti