Prestiti con interessi al 120% all'anno
9 arresti della Guardia di Finanza

Prestiti con interessi al 120% all'anno
9 arresti della Guardia di Finanza
Nove arresti (sei in carcere e tre ai domiciliari) eseguiti questa mattina all'alba dalla Guardia di Finanza di Taranto che ha stroncato un giro di usura con soldi prestati con interessi pari al 10% mensile. Sequestrati beni per 200mila euro. A capo dell'organizzazione un lizzanese di 53 anni, Cosimo Damiano Surgo, non nuovo a fenomeni di questo tipo, già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con l'obbligo di soggiorno a Lizzano.
Grazie all'attività investigativa delle Fiamme gialle, anche con pedinamenti e intercettazioni telefoniche, si è scoperta l'attività di finanziamenti a tassi usurari per piccoli imprenditori in difficoltà. All'operazione è stato dato il nome di "Mercatino" in quanto una delle vittime, più volte destinataria di prestiti a strozzi, è un venditore ambulante che opera nei mercati rionali di Taranto e Brindisi. Oltre a Cosimo Damiano Surgo, acui il provvedimento restrittivo è stato notificato in cella,
dove si trovava nell'ambito di un'altra inchiesta, sono finiti
in carcere Christian Surgo, di 20 anni; Pasquale Surgo, di 30;
Vittorio Surgo, di 41 (tutti legati da vincoli di parentela),
Maurizio Leone, 49enne di Carosino (Taranto) e Marcello
Iannuziello, 41enne di Policoro (Matera). Ai domiciliari sono
finiti Mario Rago, 38enne di Stigliano (Matera), Giovanni
Caniglia, 68enne di Lizzano, e Ottavio Fornaro, 40enne di San
Marzano di San Giuseppe (Taranto).
Le misure sono state disposte dal gip del Tribunale di Taranto, Filippo di Todaro, su richiesta del pm Giovanna Cannarile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 11 Gennaio 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:12