Meredith, Sollecito fa causa ai giudici dopo l'assoluzione e chiede 3 milioni

Sollecito fa causa ai giudici
dopo l'assoluzione: chiede 3 milioni
Raffaele Sollecito "fa causa" ai giudici dopo l'assoluzione per l'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese di 22 anni, uccisa a Perugia con una coltellata il primo novembre del 2007. Per quell'omicidio ha fatto quattro anni in carcere e ora presenta il conto ai giudici: tre milioni. Nel 2015 Sollecito e la statunitense Amanda Knox, anche lei accusa del delitto, sono stati assolti definitivamente dalla Cassazione. Sollecito aveva avviato una richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione che a febbraio gli è stata negata.

Sollecito ha citato in giudizio, in base alla legge sulla responsabilità civile dei magistrati nove tra pm, procuratori generali, gip e giudici di corte d'assise d'appello chiedendo un risarcimento, «per aver travisato i fatti». La legge prevede cause «per dolo o colpa grave» e nel secondo caso è prevista la citazione anche dei giudici popolari. Il procedimento è a Genova. La scrive l'edizione genovese di Repubblica.

L'ultima parola spetta al giudice Pietro Spera al quale è stata affidata la causa. Sarà lui a decidere se coinvolgere nella citazione anche i 12 giurati popolari della corte d'assise di Perugia e e della corte d'assiste d'appello di Firenze. La causa è a Genova perché gli ultimi giudici che hanno condannato Sollecito sono quelli della corte d'appello di Firenze e per processi che coinvolgono magistrati toscani il tribunale competente è quello di Genova. In aula è stata citata la presidenza del Consiglio in rappresentanza dei giudici. In caso di condanna lo Stato si rivarrà su pm, gip, giudici citati.

Nel mirino di Sollecito, in particolare il pm Giuliano Mignini che condusse le indagini. Sollecito e Knox vennero condannati in primo grado, assolti in appello a Perugia, ma la Cassazione annullò la decisione e dispose un appello bis a Firenze, dove i giudici li condannarono di nuovo. In Cassazione vennero però assolti motivando la decisione con «colpevoli omissioni nelle indagini condotte con deprecabile pressapochismo».

La difesa di Sollecito ha anche impugnato in Cassazione la decisione della Corte d'appello di Firenze di respingere la richiesta di risarcimento (500 mila euro) per ingiusta detenzione per i quasi quattro anni di detenzione per l'omicidio di Meredith. Secondo quanto appreso dall'agenzia Ansa i legali di Sollecito, gli avvocati Giulia Bongiorno e Luca Maori, hanno chiesto l'annullamento della decisione dei giudici fiorentini. La data dell'udienza in Cassazione non è stata ancora fissata.

Nel ricorso i legali del giovane pugliese hanno sostenuto che la motivazione del rigetto della richiesta di risarcimento «sembra una sentenza di condanna». «I giudici - hanno sostenuto i legali - hanno ripreso gli argomenti della sentenza della Corte d'appello di Firenze che condannò Sollecito e Knox senza invece tenere conto di quella della Cassazione che li assolse definitivamente evidenziando gli errori dell'indagine».




 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 11 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-04-2017 18:12
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti